Skip to main content

a pandemia prima, e lo scoppio della guerra in Ucraina poi, hanno modificato l’andamento dell’economia mondiale, con conseguenze piuttosto pesanti che si riflettono anche nel nostro paese.

I listini di molti prodotti sono aumentati vertiginosamente e a questo si aggiunge la difficoltà nel reperire le materie prime.

Se da una parte l’industria cerca di assorbire questi rincari, dall’altra non riesce più a sostenerli e per questo ha incominciato a scaricarli a valle, direttamente nel carrello dei consumatori.

Tra gli ambiti che risentono fortemente della situazione socio- politica e sono maggiormente colpiti dall’aumento dei prezzi, troviamo il settore dell’energia e quello alimentare.

In particolare l’aumento del costo di materie prime e il caro-bollette stanno appesantendo l’intera catena di approvvigionamento alimentare, poiché tutto parte da una difficoltà che risiede a monte e poi si espande verso gli ultimi anelli della catena. Le fasi colpite del processo sono:

  • produzione e trasporto;
  • costi e reperibilità delle materie prime;
  • spese per gli imballaggi;
  • rincaro di mangimi e concimi.

Sugli scaffali dei supermercati stanno perciò lievitando i prezzi di prodotti indispensabili per le famiglie, come pane, pasta, carne, oli da cucina. I costi della logistica non risparmiano poi nemmeno alimenti come la frutta e il caffè.

Quali sono le previsioni per il futuro?

Alla fine dell’altr’anno, l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori aveva provato a stimare l’impatto che il 2022 avrebbe avuto sui conti delle famiglie italiane: si parlava allora di un possibile aggravio pari a + 1.228,80 Euro annui. 

Ma la guerra in Ucraina non era stata ancora calcolata.

A marzo di quest’anno la Coldiretti ha parlato di un’inflazione che nel settore alimentare sta superando il + 4,6% in media.

Alla luce di tutto questo, il clima diffuso tra gli italiani è di rassegnazione e sfiducia. 

Ricordiamo infatti che – come sottolinea la Coldiretti – l’Italia è un Paese dove l’85% dei prodotti viaggia su strada prima di arrivare alla vendita diretta su scaffali. La conseguenza è che l’aumento di benzina e gasolio si riversi come una valanga sulle industrie e, di conseguenza, sulla spesa dei consumatori.

La guerra in Ucraina, poi, rappresenta un duro colpo per i prodotti di esportazione, come il grano.

Basti pensare che il Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ha definito la Russia come il maggior esportatore di grano al mondo, mentre al quarto posto si posiziona proprio l’Ucraina. 

L’Italia invece produce circa il 65% del grano necessario all’industria di trasformazione e il restante 35% è coperto dalle importazioni, sia per riuscire a colmare il divario tra domanda e offerta, sia per la qualità del grano estero che a volte è superiore del nostro.

È anche per questo che oggi stiamo risentendo pesantemente della situazione che ci circonda, dal momento che consumiamo 23 kg di pasta pro capite all’anno in media e le associazioni dei consumatori hanno già stimato un aumento indicativo del prezzo pari a 20 centesimi in più per ogni pacco di pasta da mezzo kilo.

Gli analisti li definiscono “tempi incerti” perché il mercato delle materie prime è molto meno volatile rispetto ad altri e quando viene colpito può subire effetti importanti.

Inoltre, ribadiamo ancora una volta che l’aumento dei costi interessa l’intera filiera agroalimentare, dalla raccolta alla lavorazione dei prodotti, fino alla conservazione e distribuzione. 

Per contenere quindi l’esplosione dei costi e non far precipitare drasticamente la situazione è allora importante che ogni componente della filiera faccia la propria parte.

In un momento tanto delicato non si possono commettere errori ed è fondamentale gestire correttamente la distribuzione ed affidarsi all’esperienza e agli studi di mercato nonostante il periodo incerto.

In questo puoi avere un valido alleato: Lo.De. Food, un’agenzia specializzata dal 1999 nello sviluppo commerciale delle aziende alimentari.

Noi di Lo.De.Food mettiamo in collegamento l’industria con i canali di vendita più adatti per ogni prodotto, incrementando i guadagni dei clienti.

Attraverso analisi di mercato e test in alcuni punti vendita, valutiamo le performance dei prodotti sui canali di distribuzione, in modo da selezionare e proporti solo i brand più richiesti sul mercato e che ti faranno vendere di più.

Grazie alla nostra esperienza e al continuo lavoro di aggiornamento, ti offriamo consulenza ed assistenza continua, aiutandoti a gestire le scorte in base alle richieste di mercato e ti supportiamo nelle vendite, aumentando i tuoi margini.

Per avere maggiori informazioni sui servizi dedicati ai buyer compila il form / contattaci.